Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Torna alla Pagina
Indietro

Al via un nuovo bando per il sostegno all’internazionalizzazione

Contributi a fondo perduto per la partecipazione a fiere internazionali. Capone e Ambrosi: “Così sosteniamo le imprese sui mercati esteri”

La Regione Puglia spinge sull’internazionalizzazione delle imprese per sostenerle nell’approccio ai mercati esteri e, con il supporto tecnico di Unioncamere Puglia, vara il bonus fiere, un incentivo del tutto nuovo, che agevola in modo diretto le aziende interessate a crescere nel mondo. Un milione e mezzo le risorse messe a disposizione grazie alle quali le micro, piccole e medie imprese potranno partecipare a fiere internazionali ricevendo dalla Regione (sezione Internazionalizzazione) la copertura dei costi con un’agevolazione a fondo perduto fino all’80 per cento delle spese ammissibili.

Snelle e semplificate le procedure di accesso. All’avviso ci si candida infatti esclusivamente per via telematica dal 20 al 27 febbraio 2017.

“Stiamo moltiplicando gli sforzi per ampliare lo sviluppo delle imprese pugliesi sui mercati internazionali”, spiega Loredana Capone. “La competizione globale è feroce e la crisi continua a mordere. Per questo vogliamo agire in tempo reale venendo incontro alle necessità espresse dalle stesse imprese. L’incentivo è infatti un aiuto diretto e non realizzato attraverso servizi. Le nostre aziende lo chiedevano da tempo, adesso lo rende possibile la nuova programmazione dei fondi strutturali. Così diamo alle imprese la possibilità di scegliere direttamente le fiere alle quali partecipare, attingendo dall’elenco proposto nel bando, o del tutto liberamente. L’altro elemento fondamentale è l’attenzione per le imprese più piccole. Il bando prevede infatti una premialità maggiore per le aziende che hanno un fatturato export inferiore ai 100mila euro rispetto a chi fattura di più. Il motivo è semplice: le imprese molto piccole hanno maggiori difficoltà sia economiche che organizzative a partecipare ad una fiera all’estero, questa forma di aiuto ci consente di sostenerle ampliando dunque le loro opportunità”.

“Il nostro impegno per l’internazionalizzazione – annuncia l’assessore – non si ferma qui. All’incentivo per le fiere, si aggiungerà presto un nuovo strumento di incentivazione per l’acquisizione di servizi per l’internazionalizzazione e poi un altro avviso per le reti di imprese che vogliono internazionalizzare. Nell’ultimo anno, inoltre, abbiamo rafforzato le relazioni con i nostri partner, stringendo accordi con FederlegnoArredo, con Sace e Simest e in ultimo con Unioncamere Puglia con la quale abbiamo sottoscritto a dicembre un Accordo Quadro di collaborazione per sostenere la promozione internazionale delle micro, piccole e medie imprese pugliesi”.

Proprio in virtù dell’Accordo quadro, per la gestione del nuovo strumento la Regione ha deciso di avvalersi del supporto tecnico di Unioncamere Puglia, l’associazione delle Camere di Commercio pugliesi, che è peraltro uno degli attori locali attivi nell’internazionalizzazione.

“La collaborazione fra Regione Puglia e Unioncamere Puglia, già testata con successo su altri progetti, oggi fa un ulteriore passo in avanti e affina la propria azione nell’interesse delle nostre imprese”, sottolinea il presidente di Unioncamere Puglia Alessandro Ambrosi.

“Dalla letteratura economica relativa alla crisi post 2008 abbiamo imparato che le aziende che hanno mantenuto o aumentato le proprie quote di mercato sono state spesso proprio quelle in grado di approcciarsi ai mercati esteri più efficacemente”.

“In Puglia – continua Ambrosi – queste imprese non mancano. Delle aziende che si sono iscritte al workshop organizzato per illustrare l’incentivo, la media del fatturato da export sul totale del fatturato è molto elevata: il 38%. Vi è addirittura un 15% che ha un fatturato da export che oscilla fra 80% e 100%. E tante sono le specializzazioni produttive. Produciamo ed esportiamo molti prodotti e di grande qualità. Ma dobbiamo e possiamo fare di più.

Con il bando di oggi ci rivolgiamo non solo alle aziende che già esportano ma anche a quelle che vogliono avvicinarsi ai mercati esteri. Per loro abbiamo costruito uno strumento di incentivazione che è frutto di un modello improntato al confronto. Perché solo nell’ascolto gli attori istituzionali possono elaborare proposte ed interventi efficaci per le imprese, che possano tradursi in crescita di quote di mercato, di fatturato e quindi anche di posti di lavoro”.

Il bando sarà presentato in tutte le province pugliesi attraverso una serie di incontri che si svolgeranno nelle sedi delle Camere di Commercio dal 16 al 20 gennaio: il 16 a Bari (ore 15,00), il 18 a Taranto (ore 16,30), il 19 a Foggia (ore 15,00) il 20 a Brindisi (ore 9,30) e a Lecce (ore 15,00).

I dettagli del bando

Il bonus fiere si rivolge alle micro, piccole e medie imprese pugliesi attive nei settori del “Manifatturiero”, della “Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata”, della “Raccolta trattamento e fornitura di acqua, gestione delle reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e recupero dei materiali”, delle “Costruzioni” e dei “Servizi alle imprese”.

Ha una dotazione finanziaria di 1,5 milioni di euro, di cui 1 milione per la copertura di parte dei costi di partecipazione alle Fiere indicate dal bando (in linea con i settori ed i paesi “focus” individuati dal Programma strategico regionale di internazionalizzazione 2016-2018) e 500mila euro per altre fiere internazionali a scelta delle imprese.

L’agevolazione prevista consiste in un contributo a fondo perduto fino all’80% delle spese ammissibili. L’importo massimo concedibile è di 3mila euro per fiere internazionali in Paesi europei, inclusa l’Italia, e 5mila euro per fiere internazionali in Paesi extra-europei.

Saranno sostenute le spese di affitto, allestimento e manutenzione degli spazi espositivi, i costi di inserimento nel catalogo della fiera, i servizi di hostess e di interpretariato, le spese di spedizione dei materiali promozionali da esporre durante la manifestazione fieristica. La Regione Puglia (sezione Internazionalizzazione) gestirà l’incentivo avvalendosi del supporto tecnico di Unioncamere Puglia.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente per via telematica attraverso il portale http://webtelemaco.infocamere.it, a cominciare dalle ore 8.00 del 20 febbraio 2017 e fino alle ore 19,00 del 27 febbraio 2017. La procedura di assegnazione del contributo sarà di tipo valutativo con la determinazione di una graduatoria di merito. Ciascuna impresa potrà beneficiare di un solo bonus.