La Regione Puglia a Napoli per la quarta edizione della Biat

La Regione Puglia (sezione Internazionalizzazione) partecipa anche quest’anno alla quarta edizione della BIAT, la Borsa dell’innovazione e dell’alta tecnologia, in programma a Napoli dal 19 al 20 aprile 2018. Sarà presente con il Desk Invest in Apulia (presidiato dalla società regionale Puglia Sviluppo), sportello finalizzato all’attrazione investimenti in Puglia che fornisce informazioni sugli strumenti regionali di incentivazione per le imprese e sui numerosi vantaggi rappresentati dal territorio e dall’ecosistema dell’innovazione pugliese per chi intende investire in particolare nei settori innovativi.

Organizzata da ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, la BIAT è una manifestazione internazionale itinerante che ha come obiettivo quello di valorizzare il potenziale innovativo espresso dal sistema delle imprese e della ricerca nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Calabria, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise, Basilicata, Sardegna), per trasformarlo in prodotti e servizi da collocare sui mercati esteri. 

Otto i settori di interesse della manifestazione - aerospazio, ambiente, biotecnologie, energie rinnovabili, Ict, nanotecnologie, materiali innovativi, tecnologie per le smart communities - e 26 le aziende pugliesi che si sono candidate a partecipare con propri progetti nei settori indicati. Avranno come controparti estere grandi imprese, centri di ricerca interessati al trasferimento tecnologico, venture capitalist e investitori individuati dagli uffici della rete estera dell’ICE-Agenzia in Belgio, Canada, Cina, Corea, Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Federazione Russa, Francia, Germania, Giappone, India, Israele, Olanda, Polonia, Regno Unito, Singapore, Stati Uniti, Svezia e Turchia.

L’evento promuoverà la commercializzazione e il trasferimento di prodotti e servizi innovativi o ad alta tecnologia e di beni immateriali (brevetti in particolare), attraverso il matchmaking sia tra offerta e domanda commerciale e tecnologica che tra start-up, Pmi, reti di impresa, università, parchi tecnologici e controparti straniere.