FdL 2017 - Country Presentation di Vietnam, Bielorussia e Azerbaigian

Ultima giornata di incontri dedicati all’economia nel Padiglione Internazionalizzazione. Nella mattinata Country Presentation dedicati al Vietnam, alla Bielorussia ed all’Azerbaijan.  Nel pomeriggio Country Presentation del Canada alla presenza della delegazione del Québec a Roma  e Camere di Commercio dell’Ontario e del Québec.

 

Vietnam

Dal 2019, grazie agli accordi di libero scambio siglati con l’Ue, il Vietnam aprirà  le porte sui mercati dell’area economica euroasiatica.  La Camera di Commercio Italia-Vietnam che dal 1996 cura le relazioni commerciali con il Paese dei Nove Dragoni ha presentato una serie di opportunità commerciali e di investimento. L’Italia è al quarto posto nell’import dopo Cina, Corea del Sud e Giappone.  Made in Italy e agroalimentare i settori di particolare interesse. I prodotti della filiera alimentare italiana saranno promossi  dalla Cciaa Italia Vietnam con una missione in programma a gennaio.

L’ente camerale italo-vietnamita, che ha sede a Torino, accoglierà le richieste anche di aziende di altri settori merceologici.

 

Bielorussia

Anche la Bielorussia, come molti Paesi dell’Est si prepara ad essere ponte per le relazioni commerciali con l’area asiatica. Punta sulla zona franca di Brest, illustrata  nel corso del Country Presentation, per attrarre investimenti, e know-how dalle nazioni europee.

 

Azerbaigian

Uno dei più grandi produttori di gas e petrolio punta alla diversificazione della crescita e punta ad attrarre imprese europee sia nel settore industriale che agricolo. L’Italia, presente in Azerbaigian nell’edilizia e la logistica, è tra i primi importatori di petrolio e gas, ma anche tra i più attrattivi nei settori del manifatturiero, dell’automotive, dell’elettronica e del design.  L’Azerbaigian, spinta dalla necessità di sviluppare settori industriali non legati al tradizionale mercato petrolifero, su cui si basa il 70% del Pil, è interessato ad accordi sia in partnership che commerciali nei settori dell’automazione industriale,  dell’Ict, della chimica e della farmaceutica.