Expo di Dubai: visita e incontri all'airport freezone

Importante incontro tra l’Assessore allo Sviluppo economico Alessandro Delli Noci, la  direttora del dipartimento Sviluppo economico della Regione Puglia Gianna Elisa Berlingerio, il vicepresidente di Aeroporti di Puglia Antonio Vasile, il direttore ai progetti speciali di Aeroporti di Puglia Patrizio Summa e i vertici di Dubai Airport Freezone (DAFZA), una zona economica franca a Dubai, che supporta l’insediamento delle società e la creazione delle attività.

DAFZA, fondata nel 1996, nasce come parte del piano strategico del governo di Dubai per sostenere e spingere un'economia basata sugli investimenti.

Oggi è una delle zone franche in più rapida crescita della regione, che contribuisce al 4,7% del PIL di Dubai. Consente agli investitori internazionali una configurazione aziendale e un'esecuzione di servizi completamente esenti da dazi, insieme a una proprietà straniera completa e senza restrizioni valutarie.

Esteso su un'area di 696.000 metri quadrati, DAFZA comprende 18 edifici e 256 magazzini. È attualmente sede di oltre 2.000 aziende di tutto il mondo impegnate in settori diversi, tra cui elettronica ed elettrotecnica, IT e telecomunicazioni, farmaceutica e cosmetica, ingegneria e materiali da costruzione, aerospaziale e aviazione, logistica e trasporto merci, cibo e bevande, gioielli, pietre preziose e articoli di lusso. Circa 30 sono le aziende italiane presenti, multinazionali, Pmi e startup.

“Uno degli obiettivi di questa missione istituzionale - commenta l’assessore Delli Noci - è provare a capire i modelli di business di un Paese in enorme sviluppo e provare a costruire opportunità di cooperazione e di investimento. Voglio ricordare che negli ultimi dieci anni gli scambi commerciali verso gli Emirati hanno registrato un saldo costantemente positivo per la Puglia. Le esportazioni, infatti, dal 2011 al 2020, hanno sempre superato le importazioni.

Con questo presupposto, abbiamo incontrato oggi i vertici di DAFZA, ai quali abbiamo presentato il nostro sistema aeroportuale - su cui insistono le Zone Economiche Speciali e le Zone franche doganali - strettamente legato al sistema portuale. Condizioni favorevoli per le imprese che vogliono investire nella nostra regione, per rafforzare le relazioni di scambio con gli Emirati Arabi Uniti e condizioni – conclude Delli Noci - che rendono la Puglia un hub centrale nel Mediterraneo”.

“Siamo venuti qui a offrire le nostre quattro zone franche speciali di Bari, Brindisi, Foggia e Grottaglie – spiega il vicepresidente di Aeroporti di Puglia Vasile - e siamo venuti qui anche a verificare la qualità delle loro zone franche. Sviluppare partnership è l’obiettivo del futuro, da soli si fa ben poco”.

 
 
 
Link video dichiarazione Delli Noci
 
Link video dichiarazione Vasile
 
Link video immagini visita e incontri