Bando Voucher Fiere (scaduto il 27 febbraio 2017)

La Sezione Internazionalizzazione della Regione Puglia informa che è stato pubblicato il "Bando per l’erogazione di voucher a favore dei processi di internazionalizzazione delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) pugliesi - Voucher Fiere". Con questo strumento la Regione Puglia spinge sull’internazionalizzazione delle imprese per sostenerle nell’approccio ai mercati esteri e, con il supporto tecnico di Unioncamere Puglia, vara il bonus fiere, un incentivo del tutto nuovo, che agevola in modo diretto le aziende interessate a crescere nel mondo. Un milione e mezzo le risorse messe a disposizione grazie alle quali le micro, piccole e medie imprese potranno partecipare a fiere internazionali ricevendo dalla Regione (Sezione Internazionalizzazione) la copertura dei costi con un’agevolazione a fondo perduto fino all’80 per cento delle spese ammissibili.

 

Il bando Voucher Fiere è finalizzato a sostenere le strategie di esportazione e di promozione internazionale del sistema produttivo regionale, favorendo una maggiore partecipazione delle MPMI pugliesi a manifestazioni fieristiche in Italia e all’estero, attraverso la concessione di Voucher, sotto forma di contributi a parziale copertura delle spese di partecipazione agli eventi fieristici internazionali di particolare rilievo per i settori di riferimento previsti nel Programma strategico regionale di internazionalizzazione 2016-2018, approvato con D.G.R. n. 839 del 7 giugno 2016.

 

Possono presentare domanda di voucher e, conseguentemente, essere beneficiari dei finanziamenti regionali, le micro, piccole e medie imprese (M.P.M.I.) pugliesi con i requisiti indicati nel bando.

Ai fini della classificazione delle micro, piccole e medie imprese (M.P.M.I.), sono adottati i parametri definiti dal Decreto del Ministero delle Attività Produttive del 18 aprile 2005 (GURI n. 238 del 12.10.2005) di adeguamento dei criteri di individuazione delle P.M.I. alla disciplina comunitaria (Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE), ovvero, nell’ambito della categoria della PMI:

  • una media impresa è definita come un'impresa il cui organico sia inferiore a 250 persone e il cui fatturato non superi 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio annuale non sia superiore a 43 milioni di euro;
  • una piccola impresa è definita come un'impresa il cui organico sia inferiore a 50 persone e il cui fatturato o il totale del bilancio annuale non superi 10 milioni di euro;
  • una micro impresa è definita come un'impresa il cui organico sia inferiore a 10 persone e il cui fatturato o il totale del bilancio annuale non superi 2 milioni di euro;

 

Le risorse destinate all’erogazione dei Voucher Fiere ammontano a Euro 1.500.000 a valere sulle disponibilità dell’Asse III “Competitività delle piccole e medie imprese” del Programma Operativo Regionale Puglia FESR 2014-2020, Azione 3.5. “Interventi di rafforzamento dei livelli di internazionalizzazione dei sistemi produttivi”.

Con riferimento alla dotazione complessiva, si precisa che:

  • Linea A: euro 1.000.000 saranno destinati ai “Voucher Fiere” a parziale copertura dei costi di partecipazione alle fiere internazionali elencate nell’Allegato A, in linea con i settori ed i Paesi “focus” individuati dal Programma strategico regionale di internazionalizzazione 2016-2018;
  • Linea B: euro 500.000 saranno destinati ai “Voucher Fiere” a parziale copertura dei costi di partecipazione alle fiere internazionali non comprese tra quelle elencate nell’Allegato A.

L’agevolazione prevista dal bando consiste in un contributo a fondo perduto (Voucher), fino alla concorrenza dell’80% delle spese ammissibili, per l’importo massimo concedibile di Euro 3.000 per fiere internazionali in Paesi Europei (UE a 28), compresa l’Italia, e di Euro 5.000 per le fiere internazionali in Paesi extra-europei. Sono ammissibili le tipologie di spese previste dal bando e connesse con la partecipazione, in qualità di espositore, a fiere internazionali che si svolgono tra il 1° marzo 2017 ed il 28 febbraio 2018.

 

A partire dalle ore 8:00 del giorno 20 febbraio 2017 fino alle ore 19:00 del 27 febbraio 2017, sarà possibile per le aziende interessate all’assegnazione del Voucher inviare online la propria candidatura esclusivamente accedendo al portale http://webtelemaco.infocamere.it previa registrazione. Ogni impresa potrà candidarsi per un solo Voucher.

 

[SCARICA L'AVVISO - Allegato 1]

[Scarica il Modulo domanda contributo Voucher Fiere - Allegato 2*aggiornato con A.D. n.03/2017 del 24.01.2017

[Scarica la Dichiarazione sostitutiva sull’assolvimento dell’imposta di bollo - Allegato 3]

[Scarica il Modello di procura speciale - Allegato 4]

[Scarica la Pratica di rendicontazione del contributo - Allegato 5]

[Scarica il Report sintetico di partecipazione Fiera - Allegato 5 bis]

[Scarica l'Elenco Fiere Internazionali - Allegato A]

*ATTENZIONE: A seguito di segnalazioni pervenute, si è provveduto ad integrare, con A.D. n. 03/2017 del 24.01.2017, il "Modulo domanda contributo Voucher Fiere Allegato 2" con l'indicazione esplicita della documentazione da allegare.

 

Informazioni relative al presente bando ed in particolare per l’assistenza in fase di presentazione della domanda e per l'istruttoria amministrativa potranno essere richieste esclusivamente via mail al seguente indirizzo bandi.unioncamerepuglia.it@legalmail.it.

 

Per visualizzare le F.A.Q. (Frequently Asked Questions), ovvero la lista delle domande più frequenti con le relative risposte fornite agli utenti, cliccare qui.

 

Pubblichiamo di seguito la Guida, redatta da InfoCamere, esplicativa della procedura di invio online delle candidature. In particolare la Guida illustra la Creazione Pratica di Richiesta Voucher e la successiva Creazione Pratica di Rendicontazione.

Per scaricare la Guida CLICCA QUI.

ATTENZIONE: Si rammenta che la Creazione Pratica di Richiesta Voucher sarà possibile solo a partire dalle ore 8 di lunedì 20 febbraio 2017.

 


Roster esperti (scaduto il 30 settembre 2014)

Avviso per la formazione di un elenco di esperti in processi di internazionalizzazione

Il Servizio Internazionalizzazione della Regione Puglia intende istituire un elenco (roster) di esperti in processi di internazionalizzazione ("project manager"), da individuare con procedura di evidenza pubblica.

Il Servizio Internazionalizzazione della Regione Puglia intende istituire un elenco (roster) di esperti in processi di internazionalizzazione ("project manager"), da individuare con procedura di evidenza pubblica.
L'elenco ha l'obiettivo di agevolare la ricerca di questo personale, altamente specializzato, da parte delle reti di imprese intenzionate a partecipare all'Avviso Internazionalizzazione.
Gli interessati potranno candidarsi on line attraverso la "Procedura telematica" raggiungibile nella sezione "Roster Esperti" della pagina www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/BandoInternazionalizzazione.
La procedura sarà attiva a partire dalle ore 12,00 del 5 febbraio 2014.
Le domande di iscrizione potranno essere presentate fino al 30 settembre 2014.
L'avviso è stato approvato con la Determinazione del dirigente del Servizio Internazionalizzazione n.1 del 6 gennaio 2014, pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 10 del 23 gennaio 2014.
Determinazione del Dirigente Servizio Internazionalizzazione n. 1 del 16 gennaio 2014-2

Bando Internazionalizzazione (scaduto il 30 settembre 2014)

È il primo intervento regionale pensato per incentivare l’internazionalizzazione delle imprese. Ha una dotazione di 20 milioni di euro e l’obiettivo di aumentare il numero degli esportatori che operano in Puglia. Le imprese potranno realizzare progetti di promozione internazionale che prevedano un insieme articolato di azioni tra cui la partecipazione a fiere internazionali, la ricerca di partner, la gestione di centri comuni di servizi di promozione, logistica ed assistenza ai clienti, l’organizzazione di esposizioni temporanee e presentazioni di prodotti. Sono ammesse ai finanziamenti piccole e medie imprese riunite in reti (almeno tre aziende) che prevedano la figura del “project manager”, cioè un esperto di processi di internazionalizzazione. La procedura di selezione sarà di tipo valutativo a sportello per ordine cronologico, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Aumentare e migliorare, attraverso l'aggregazione delle imprese, la competitività delle PMI sui mercati esteri.
Sostenere la nascita e il consolidamento di reti formali permanenti fra le PMI pugliesi che, in una logica di settore, distretto o filiera produttiva specializzata, possano sviluppare dei percorsi strutturati di internazionalizzazione, finalizzati allo sviluppo, in cooperazione tra le imprese, di iniziative rivolte alla promozione della penetrazione commerciale e industriale, attraverso la realizzazione di progetti di promozione internazionale che prevedano un insieme articolato e finalizzato di azioni, tra cui: partecipazione a fiere internazionali, ricerca di partner, gestione di centri comuni di servizi di promozione, logistica ed assistenza ai clienti, organizzazione di showroom e presentazioni di prodotti.
I progetti devono identificare un distretto, settore o filiera produttiva specializzata, e definire chiaramente un percorso strutturato di internazionalizzazione, finalizzato allo sviluppo, in cooperazione tra le imprese coinvolte, di iniziative coordinate e strutturate per la promozione internazionale, con specifici obiettivi di mercato, di penetrazione commerciale e/o di collaborazione industriale con partner esteri, anche nel campo dell'innovazione e della ricerca e sviluppo.
Le attività di progetto da realizzare sui mercati esteri devono avere natura esclusivamente promozionale, di studio e di analisi tese al raggiungimento di specifici obiettivi di:
  • penetrazione commerciale;
  • organizzazione reti di vendita;
  • ricerca subfornitori o partner tecnologici per il miglioramento della qualità e dell'efficienza dei processi produttivi interni;
  • realizzazione di joint-venture o accordi di collaborazione commerciale o industriale, anche nel campo dell'innovazione, della ricerca e del trasferimento tecnologico internazionale;
  • creazione di centri servizi integrati, anche nel campo della distribuzione e della logistica.
  • Raggruppamenti di P.M.I., aventi sede legale in Puglia, costituiti con forma giuridica di "contratto di rete" che abbiano acquisito soggettività giuridica, ai sensi del comma 4-quater dell'art. 3 del Decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33 e s.m.i., e dotate di un fondo patrimoniale comune o ne devono prevedere la relativa istituzione;
  • Consorzi con attività esterna e società consortili di Piccole e Medie Imprese, costituiti anche in forma cooperativa, aventi sede legale nella Regione Puglia.

Il finanziamento è concesso in due soluzioni:

  • mutuo a tasso agevolato, fino ad un massimo del 50% della spesa ritenuta ammissibile, verrà erogato in un'unica soluzione anticipata;
  • contributo in conto esercizio, fino ad un massimo del 30% della spesa ritenuta ammissibile, verrà erogato in un'unica soluzione ad ultimazione del progetto e dietro presentazione di apposita documentazione di rendicontazione finale.

In ogni caso, le agevolazioni concedibili non potranno superare complessivamente l'importo di €200.000 (ovvero €75.000 di contributo in conto esercizio e €125.000 di valore di mutuo a tasso agevolato).

Inoltre, saranno esclusi dalle agevolazioni, i progetti con spesa ritenuta ammissibile, inferiore a €50.000.

AVVISO A SPORTELLO

Le domande di accesso possono essere presentate a partire dal quindicesimo giorno dopo la pubblicazione dell'Avviso sul BURP, fino al termine ultimo del 30 settembre 2014.